domenica 12 febbraio 2017

L'Espresso provoca: Aboliamo la Massoneria

E' di questi giorni l'articolo de L'Espresso dove viene titolato che sarebbe auspicabile abolire la Massoneria perché ormai, secondo chi scrive, infetta e portatrice di malaffare.
E' un'opinione, va rispettata, di certo non mi trova d'accordo e credo non sia nemmeno attuabile.

La Massoneria non ha mai avuto bisogno di essere "autorizzata" dal sistema per fluire tra gli uomini. Essa ne è parte integrante, forse ne è l'essenza stessa.
Quando un sistema l'attacca è perché la teme, teme il suo potere: la conoscenza.
Iniziare un essere umano ai principi della Fratellanza, della Libertà e dell'Uguaglianza è il più grosso dispetto che si possa fare al potere istituzionale.
Che non tutti i Fratelli Massoni si comportino da massoni mi pare trovi tanti d'accordo, è anche vero che da sempre la Massoneria riflette, nel bene e nel male, la società che, temporalmente parlando, la ospita.
Un grande Fratello che ho il piacere di annoverare tra le mie conoscenze, un giorno mi disse: " La Massoneria è pulita, fragrante e bellissima, solo che è fatta da uomini e gli uomini sbagliano".

Abolirla per legge si può, si può mettere fuori legge la parte associativa, la si può commissariare (non capisco da chi ma ho letto anche questo da qualche parte), si possono richiedere gli elenchi, mettere alla gogna i Fratelli tutti, ma sarà perfettamente inutile. Al massimo "essa" si ritirerà nell'ombra, lasciando sotto la luce fallace di un mondo che non la merita, solo briciole di specchi per allodole continuando a fluire in certi uomini sì e in certi altri no.
Se ci sono all'interno di questa istituzione personaggi che non dovrebbero esserci è perché sono stati tegolati male, oppure sono figli di altri tipi di ragionamenti, ma non sta a me giudicare né lo voglio fare. Però pensiamoci, riflettiamo su questo nostro periodo storico, ritiriamoci in un silenzio costruttivo e lasciamo che a parlare siano i "lavori" e il fare, e se ci sono Fratelli che non sono ben armonizzati abbracciamoli (tre volte), lavoriamo su noi stessi ogni giorno perché le rivoluzioni partono dal singolo ma Noi abbiamo la Forza dell'Unione. Sorridiamo se leggiamo che vogliono abolire la Massoneria, prima dovrebbero estinguere l'Uomo, il Tempio e il Grande Architetto dell'Universo.

4 commenti:

  1. È un po' come sentir dire da un idiota:"Aboliamo l'intelligenza". Magari con un decreto legge...

    RispondiElimina
  2. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  3. Scusatemi se parlo, potrei non essere all'altezza di esprimere un giudizio, ma due miei zii erano del Grande Oriente d'Italia, ora non appartengono più a questa dimensione, pregna di tanta oscurità.Purtroppo nel mondo vi è tanta ignoranza e paura. Queste sono le tenebre che con il loro oblio mirano a soffocare la scintilla, da cui scaturisce la luce che alla fine genera il Verbo. Mi sembra difficile, e spero che non sia così, poichè penso che tutto l'Universo si basi sugli equilibri degli opposti, ciò genera una terza forza che sovrasta il tutto, mi fermo e concludo, voi sapete e conoscete meglio di me le cose. Se parlo è a causa dell'indignazione, alcune persone vivendo nella loro profanità spesso non sanno con chi prendersela e al di là del ruolo che occupano vanno cercando capi espiatori, ciò mi ricorda come nel 1400 d.c. si iniziò a parlare di caccia alle streghe e per due secoli fu un vero eccidio. Il mio augurio a tutti coloro che operano per il bene comune e della società, di restare Uniti come non mai negli ultimi secoli è stato fatto, perchè la vostra Libertà, e anche la mia Libertà di essere, e la libertà del Verbo deve continuare e Splendere sempre più fino alla fine dell'Eternità.

    RispondiElimina
  4. Ogni parere è valido e va ascoltato, che sia di un iniziati o di un profano, grazie di aver letto e commentato l'articolo oltretutto in maniera consona e intelligente.

    RispondiElimina