martedì 29 gennaio 2019

L'IMPORTANZA DI CHIAMARSI TAVOLO

Titolo ovviamente ironico. Prendo spunto dalla Tornata di ieri sera (28 gennaio 2019) per una piccola riflessione: quanto è importante l'agape bianca dopo la Tornata?
A dirlo così sembra quasi una gossippata ma, approfondendo un po' di più l'argomento, in effetti il tema è più serio di quello che appare.

Così è stato per noi, tanto che tra un pezzo di carassau con fettina di lardo di colonnata e un bicchiere di vino rosso, attorno al tavolo si sono snodati argomenti di tutto rispetto.
Fr:. e Sr:. che disquisivano del simbolo della lemniscata (infinito) che si va formando tra la sala dei passi perduti e l'ingresso nel Tempio... e questo solo agli antipasti... dopo i primi si era già passati alla spiegazione del perché il Regolo del M:.d:.C:. deve essere 4x4x144.


Argomenti pregni di significato, snocciolati attorno a un tavolo imbandito, prendono tutto un altro sapore e non solo per via dei gnocchetti con la salsiccia che formavano deliziose cunette nei piatti dei commensali.
Il fatto è che dopo una Tornata, se decentemente eseguita, ci troviamo con i canali ricettivi aperti, energeticamente puliti, e con l'atto del cibarsi andiamo a fissare, e poi metabilizzare, tuto il lavoro svolto nel Tempio.

Ecco "l'importanza di chiamarsi tavolo"... perché è intorno ad esso che chiudiamo effettivamente gli architettonici lavori. Ovviamente l'agape non deve mai precedere la Tornata, andremmo a lavorare appesantiti dal cibo che, a quel punto, non sarà più un metodo di fissaggio energetico ma ribalterà la sua proprietà fornendo energia sporca durante la Tornata.

Così è stato che all'arrivo in tavola del mirto si era già sul dialogare attorno alle Energie Sottili e all'atteggiamento che il Massone deve avere nel mondo profano.
Il dolce: frappe e crostata, hanno suggellato il salto quantico... non nel senso culinario, ma proprio quello filosofico-scientifico. Chi poneva sul tavolo la teoria che: "il pensiero forma la materia" e chi rammentava che nello spermatozoo c'è la metà esatta delle informazioni necessarie per la formazione di un nuovo essere biologico.
Temi che sembrano vagare nel nulla cosmico di un dopo cena qualunque. Ma così non è.
Sono tutti frammenti che vanno poi a formare un mosaico, un tutto, partorito da un'unione spirituale che si salda intorno a un tavolo.

Un giorno un mio carissimo Fr:. (che chiamo affettuosamente Fratellone, ma solo per via che è più avanti di me con l'età) mi disse: una Tornata la puoi fare anche intorno a un Tavolo... ora ho capito cosa intendeva.

Fabio Pedrazzi

2 commenti:

  1. Che dire ? Complimenti e buona agape!TFA gustoso!

    RispondiElimina
  2. É come il proprio tempio
    Può essere ovunque. Il tempio siamo noi������

    RispondiElimina