mercoledì 28 agosto 2019

TRE E TRENTATRE

Il trentatreismo grado trascende la materia. Ormai le colonne le ha abbattute al 30°. Lo spirito guida si è  rivelato e il VITRIOL è stato pulito dal fango.
Tutto ciò succede anche al 3° quando questo viene vissuto nella piena conapevolezza.
Lontana diatribra tra gradi di perfezionamento e Massoneria azzurra. Personalmente farei un distinguo:
- Massoneria
- Massoneria moderna

In fondo i gradi del Rito, mi correggano se sbaglio, i Fratelli più esperti di storia massonica, compaiono dopo il 1717. Prima si parla addirittura di soli due Gradi.
Come prima del 1717 non v'era traccia di Obbedienze. C'era una circolarità massonica scevra da ogni sovrastruttura che non fosse la Loggia.
Quindi TRE e TRENTRATRE erano fusi in un solo Gradino.
Sì è voluto vederci dentro, esaminare al microscopio ciò che sin dal primo Rituale (l'unico) viene detto. Ma siccome è "detto" a strati, ognuno arriva sin dove il suo VITRIOL è pulito.

L'Apprendista, pian piano, comprenderà la simboligia marginale della spirale che si muove inesorabile sino al punto centrale... il punto dove Tutto inizia e finisce. Lo stesso simbolo ha valenza diversa man mano che si avvicina al centro... sino a scomparire fondendosi con l'osservatore che diventa lui stesso il simbolo osservato.
Quindi è solo diventando il Rituale che potremo evolvere... diventando, non ripetendolo e basta. E nemmeno solo interpretandolo.
Se non c'è la consapevolezza del gesto, della parola, della vibrazione emessa non avviene che un girotondo energetico che ci lascerà nello strato esterno. Uno strato importante, certo, ma esterno.

Dicevo prima che identifico il Rito con la Massoneria moderna (in senso lato). Sì, perché è un modo di essere massone che ha una partenza, una sua temporalità abbastanza precisa. L'altra no, non ha un inizio di conseguenza non può avere una fine. La Massoneria, detta azzurra (non mi piace il termine ma lo uso per differenziarla), è a spirale... ecco la definirei: Massoneria spiroidale. L'altra invece è piramidale.
Entrambe portano a una "vetta", ma la raggiungono in modo differente.
Entrambe contengono lo Zed... ma una è costruita mentre l'altra è in continuo divenire.
Una ha un inizio e una fine, l'altra fa parte di quelle conoscenze cosmiche che permettono all'uomo di evolvere a ogni respiro.

Fabio Pedrazzi

Nessun commento:

Posta un commento