sabato 20 gennaio 2018

Le 2 anime della Massoneria

Me lo sono sempre chiesto: ma la Massoneria è solo ed esclusivamente esoterica o ha un anima essoterica e sociale?
Credo che abbia 2 anime: una esoterica e una sociale. Potrei azzardare dicendo che la parte sociale è ormai quasi ed esclusivamente "profana" mentre la zona esoterica è tipicamente iniziatica, anche se non necessariamente bisogna essere iniziati per trattare di esoterismo.
Aggiungi didascalia

Attualmente, per lo meno questa è la mia esperienza, l'Obbedienza più numerosa in Italia, il GOI, appare come un carrozzone trainato dall'anima sociale o essoterica. Dico questo perché avendone fatto parte mi sono scontrato con situazioni profane mascherate da "regole auree".

Situazioni dove i metalli hanno avuto il sopravvento sulla Pietra Filosofale. Dove i pavimenti sono stati calpestati e la ritualità poco capita... il tutto condito da sbandieramenti di operazioni benefiche che, senza nulla togliere, appartengono al DNA di altre istituzioni o associazioni (vedi Lions e Rotary).
Il massone fa beneficenza e la nasconde. La Massoneria non può essere paragonata ad una qualunque associazione culturale, non possiamo essere ridotti ad avere un codice fiscale. Per legge è necessario? Bene, forniamo una facciata profana e regolarizziamola... la parte esoterica resti nell'ombra e continui a vivere nella terra di mezzo. Non è per tutti, non lo è mai stata e non lo sarà in futuro. Nel 1717 si è deciso di dotare la Massoneria di apparati burocratici a forte sentore profano. Si è tentato di  darle una struttura centralizzata e centralizzante: nel 1717 la Massoneria, quella con la M maiuscola, è morta.

Io sono per l'anima alchemico-esoterica di cui la Massoneria è custode. Tutto il resto fa parte della missione sociale di cui ci si deve far carico ma sempre con stile e riservatezza. Queste operazioni le si possono portare avanti anche attraverso strutture giuridiche di altro livello.
Certo che una guardiania profana ad una struttura massonico-iniziatica stona come un gessetto passato sulla lavagna. Ma questa è altra storia, forse.

Nessun commento:

Posta un commento